Home » Sessualità di Coppia » Addio missionario! Ecco le posizioni top ten per fare sesso in macchina
come fare sesso in macchina

Addio missionario! Ecco le posizioni top ten per fare sesso in macchina

Alzi la mano chi non ha mai fatto sesso in macchina! È un’esperienza che capita a tutti nella vita; c’è a chi piace e chi lo fa solo quando è talmente travolto dalla passione che non riesce ad aspettare oltre. Unica regola: trovare un luogo abbastanza appartato per rimanere fuori da occhi indiscreti. E anche se fare sesso in macchina a molti può sembrare scomodo, si possono sfruttare delle posizioni che sapranno dare soddisfazione a tutti.

Fare sesso in macchina come non l’avete mai fatto

La prima posizione suggerita è il 69 invertito, consigliata per le coppie in cui alla donna piace essere leccata dall’alto verso il basso e dove si può scegliere se essere attivi in contemporanea o uno alla volta. Troviamo, poi, una variante del toro seduto, che vede i partner uno di fronte all’altro, con i piedi di lei sulle spalle di lui; il risultato è una penetrazione profonda, dove è lei a condurre i giochi. Arriviamo al 69 classico, che vede la partecipazione simultanea di tutti e due: tanta concentrazione quanta soddisfazione.

Proseguendo nella carrellata delle posizioni top ten per fare sesso in macchina troviamo il rapporto da dietro, la pecorella, che non sempre piace a lei, ma molto a lui; è l’uomo ad avere il pieno controllo. Con l’altalena, invece, lui è disteso a pancia in su e lei, seduta sopra, gli dà le spalle, decidendo il ritmo e il livello della penetrazione. A lui rimane la “bella vista”. Continuiamo con l’ostrica, dove invece è lui ad essere attivo; lei, raggomitolata, sotto di lui, è protetta dal fisico di lui, completamente sopra.

Le ultime posizioni prevedono: l’amazzone, una specie di ostrica al contrario, dove l’uomo, con le cosce al petto, deve sottostare fisicamente alla donna, che sta sopra. Nella cortigiana, invece, la donna appoggia la schiena al bordo del sedile e lui, in ginocchio ai piedi di lei, penetra, arrivando con il viso sul seno di lei. Arriviamo, infine, all’antilope, una sorta di pecorella adattata: se lei inarca la schiena, lo sente di più; se lui usa le mani per toccare le zone erogene di lei, il piacere sarà più forte. Chiudiamo, infine, con la tigre, dove entrambi sono attivi, sdraiati come nel classico missionario, ma lei può alzare le gambe per modificare l’angolo di penetrazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*