Home » Sessualità Femminile » Come individuare e stimolare il clitoride
clitoride sesso

Come individuare e stimolare il clitoride

Molti uomini, di fronte ad una donna, non sanno come stimolare il clitoride, ossia quel punto che si trova nella congiuntura tra le labbra della vagina, nella parte anteriore della vulva. Uno dei problemi sta nel fatto che non sempre è così facile da trovare, poiché può essere nascosto sotto il prepuzio, una piega della pelle che lo incappuccia. È, però, davvero un peccato, se si considera che il clitoride ha circa 8mila terminazioni nervose ed è in grado di provocare grandissimo piacere alle donne.

Stimolare il clitoride: come e quando?

Non tutte le donne raggiungono l’orgasmo in seguito alla stimolazione del clitoride; alcune non sentono particolare piacere, altre non lo provano affatto. Per coloro a cui piace, bisogna considerare che, quando c’è un’eccitazione in corso, psicologica o fisica, il clitoride si indurisce ed è in questo momento che va stimolato. Il modo in cui toccarlo è soggettivo, può essere sfiorato, con movimenti lenti o con gesti decisi. In ogni caso, è molto importante che sia lubrificato, naturalmente, con la saliva o con gel lubrificanti e che si proceda sempre per gradi.

Per quanto riguarda le posizioni, le migliori sono quelle in cui il pube della donna appoggia completamente su quello dell’uomo: una di queste è quella fetale, in cui le ginocchia di lei sono strette verso il petto. Bisogna sempre accompagnare i preliminari con una buona stimolazione manuale e considerare che, in generale, i momenti di maggior piacere per la donna sono quelli vicini ai giorni dell’ovulazione e subito prima dell’arrivo del ciclo; al termine delle mestruazioni, invece, il piacere sarà un po’ meno intenso.

L’orgasmo clitorideo

Attraverso la stimolazione del clitoride, si può raggiungere un orgasmo singolo o multiplo. Nel caso di orgasmi multipli, la donna arriva ad un punto in cui inizia a provare dolore; ciò significa che è già stato raggiunto il massimo piacere ed è meglio fermarsi. Se, invece, sente prurito o bruciore, la causa può essere ricercata in una mancata e corretta lubrificazione o in una leggera lesione o infiammazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*