Home » Sessualità Femminile » Come spingerlo al limite…e concludere in bellezza
come farlo eccitare

Come spingerlo al limite…e concludere in bellezza

È una serata speciale: lei vuole giocare un po’ con il suo uomo e tirare la corda, facendolo eccitare quasi al limite della sopportazione; come fare? Ecco 3 passaggi da curare con attenzione se si vuole trascorrere una serata hot, ma decisamente diversa dal classico rapporto mordi e fuggi.

Come farlo eccitare, senza dargliela vinta (o quasi)

Prima di tutto, bisogna iniziare fuori dal letto, soprattutto quando lei e lui, per il lavoro o altri impegni, non sono ancora insieme. Il programma è di incontrarsi la sera? In pausa pranzo lei può iniziare con qualche leggera frecciatina, lasciandogli addirittura l’iniziale dubbio del: ci sei o ci fai? Quando ormai non ci sono più dubbi, lei può passare alle fantasie erotiche vere e proprie. Può stuzzicarlo facendolo immaginare cosa potrebbe accadere qualche ora più tardi.

Il secondo passaggio può essere applicato quando ci si incontra. Se si è già in camera da letto, lei può continuare a stuzzicarlo in due modi: con la voce e con la pelle. Può, infatti, sussurrare qualche altra fantasia, questa volta guardandolo negli occhi, così come può puntare sul contatto fisico. Sfiorarlo, usando i polpastrelli, le unghie e, in generale, le mani, farà scatenare in lui un’eccitazione sempre più forte. Attenzione, però, a non toccarlo né troppo né nelle zone che lui desidera. L’importante è far scatenare qualsiasi fantasia possibile, ma tenersi sempre al di qua del limite.

Terzo e ultimo passaggio è quello subito antecedente al “boom”. Lei deve tenerlo sul filo del rasoio, spingerlo sempre un po’ più in là, ma fermarsi quell’attimo prima dell’esplosione. E’ importante che l’eccitazione resti sempre sotto controllo: come fare? Facendo delle brevi pause quando lui è evidentemente al limite. Quando, dopo l’ennesima “tortura”, lui giunge al punto di non ritorno, il suo orgasmo si trasforma in un’ondata travolgente, è inutile descriverlo, bisogna provarlo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*