Home » Sessualità di Coppia » Come stimolare i suoi testicoli durante il sesso orale?
come stimolare testicoli durante il sesso orale

Come stimolare i suoi testicoli durante il sesso orale?

Molte donne, mentre si trovano in uno dei momenti più eccitanti per il loro uomo, non sanno come comportarsi. Durante il sesso orale, infatti, prendere in considerazione solo il pene è un errore; oltre a baciarlo, leccarlo e toccarlo, non bisogna dimenticare

anche la zona circostante. In particolare, capire come stimolare i suoi testicoli potrebbe davvero fare la differenza e portarlo a raggiungere un orgasmo molto più intenso.

Sono molte le donne che credono che i testicoli siano troppo delicati per essere toccati, altre non sanno proprio come fare.

6 passi per capire come stimolare i suoi testicoli alla massima potenza

  1. Soggettività: a qualcuno piace il tocco più deciso, a qualcun’altro quello più lieve. In ogni caso, mentre una mano massaggia il pene, si può muovere in modo circolare il palmo dell’altra nella parte inferiore dei testicoli, premendo sempre di più.
  2. Osservazione: prima di toccare, è molto utile guardare e notare un punto preciso al centro dello scroto, una specie di “linea” che congiunge il pene, ricca di terminazioni nervose. Se il dito usato per la stimolazione è bagnato con un po’ di saliva o di lubrificante, sarà tutto più facile.
  3. Abilità: mentre una mano tiene i testicoli come se fosse una coppetta, l’altra li accarezza.
  4. Leccare: la lingua, come sempre, gioca un ruolo fondamentale. La cosa migliore è passare da un testicolo all’altro, prima spostandosi in modo lineare, poi con movimenti circolari.
  5. Graffi: le unghie accrescono l’eccitazione; anche in questo caso, però, conta molto il piacere personale. Poca o tanta pressione? Forse è meglio alternarle ai polpastrelli.
  6. Succhiare: anche le labbra possono essere sfruttate per stimolare i suoi testicoli. Oltre alla lingua, infatti, metterli in bocca uno alla volta e fare qualche giochetto un po’ più spinto, può davvero fare la differenza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*