Home » Sessualità Femminile » Come stimolare le zone erogene maschili
Come stimolare le zone erogene maschili

Come stimolare le zone erogene maschili

Conoscete bene i punti più sensibili del vostro corpo, ma potete dire lo stesso delle zone erogene maschili? Sicuramente, dopo questo articolo, ne saprete a sufficienza per far godere intensamente qualsiasi uomo.

Il bubbling spring. Con bubbling spring si intende un punto della pianta del piede, qualche cm in basso rispetto al terzo dito e sotto l’arco della pianta. Stimolando questo punto con un massaggio lento e sensuale, stimolerete il flusso sanguigno dell’intero corpo del vostro partner. Prima di andare oltre, premete con forza, rilasciate e strofinate lo stesso punto, per preparare il suo corpo a ricevere più piacere.

Il pollice. Se volete stimolare la sua mente, dopo il massaggio prendetegli la mano, accarezzatela e baciategli lentamente del dita prima di infilarvi il suo pollice in bocca, emulando una lenta fellatio, mentre lo guardate negli occhi.

I capezzoli. Non tutti sono a proprio agio con la stimolazione dei capezzoli, ma sicuramente nessun uomo avrà da ridire se li massaggerete sensualmente prima di baciarli e leccarli. Se metterete un cubetto di ghiaccio in bocca prima di iniziare, gli donerete delle sensazioni ancora più intense.

I genitali. Il frenulo (o punto F) ha la stessa sensibilità del clitoride femminile. Stimolatelo con le mani prima di iniziare a praticargli del sesso orale, poi utilizzate la vostra lingua per una stimolazione ancora più dolce ed eccitante.

Non dimenticate di dare le giuste attenzioni al suo scroto, massaggiandolo delicatamente e concentrandovi soprattutto sulla sua parte centrale. Se pensate di leccare i suoi testicoli, provate a farlo dopo aver sorseggiato del tè caldo.

La “zona proibita”. Per molti uomini, il sedere è una zona da non violare assolutamente. Se il vostro partner è uno di questi, limitatevi alla stimolazione del punto in cui i glutei incontrano la parte alta delle cosce, premendo e strofinando la parte, mentre con l’altra mano gli massaggiate la parte alta dell’osso sacro: servirà anche a fargli avere degli orgasmi più rilassati ed intensi.

Se il vostro partner è abbastanza aperto mentalmente, stimolate pure la zona del suo perineo (punto P). Per farlo, massaggiate delicatamente la zona che va dai testicoli all’ano, applicando una pressione crescente ma mai violenta. Quando sarà sufficientemente eccitato, potrete penetrare il suo ano con un dito (se vuole) o semplicemente premere con più forza nel punto in cui lo stavate massaggiando.

Il risultato? Un’erezione immediata e una carica sessuale esplosiva.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*