Home » Sessualità di Coppia » Come usare il vibratore in coppia?
Come usare il vibratore in coppia per trarne il massimo piacere

Come usare il vibratore in coppia?

Forse non tutti sanno che esistono diversi tipi di vibratore: a parte i grandi classici, in commercio si trovano anche diversi vibratori costruiti apposta per essere usati in coppia.

Esiste, infatti, uno specifico vibratore da usare in coppia ed è a forma di U: viene inserito nella vagina della donna e stimola contemporaneamente clitoride e punto G. La particolarità deriva dal fatto che è possibile avere in contemporanea un rapporto, con una normale penetrazione e, in questo caso, il vibratore in questione stimola anche l’uomo.

Ritornando ai grandi classici, si può utilizzare anche il vibratore vaginale in modalità masturbazione autonoma o come stimolazione ricevuta dal partner. Può essere usato anche con la penetrazione anale. In questo caso, la doppia penetrazione potrebbe far provare sensazioni completamente nuove ad entrambi.

A tal proposito, in coppia si può usare anche il vibratore anale. Può essere sfruttato dal partner durante i preliminari, per preparare la donna al massimo piacere. Da non sottovalutare anche il vibratore studiato apposta per il punto G.

Altra possibilità: il vibratore di coppia vero e proprio, in grado di stimolare il punto G di lei e lo scroto di lui contemporaneamente.

Quale vibratore scegliere?

A seconda delle preferenze della donna prima o durante il rapporto sessuale, bisogna preferire un vibratore piuttosto che l’altro. Al momento della scelta, però, non bisogna dimenticare che l’attenzione deve concentrarsi sull’intensità della vibrazione, piuttosto che sulla dimensione.

Dato il punto delicato con cui ogni vibratore entra in contatto, poi, non c’è da scherzare sulla provenienza e sulla fattura degli oggetti in questione. Da non dimenticare, quindi, che funzionano a pile e che bisogna sempre fare attenzione al loro utilizzo.

Dato il grande piacere che provocano, perché non provare a ravvivare la vita di coppia con un nuovo “giocattolo”?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*