Home » Sessualità di Coppia » Fare sesso nel confessionale si può
sesso in chiesa si può

Fare sesso nel confessionale si può

La corte d’appello di Bologna si è pronunciata con una sentenza curiosa quanto inconsueta; ha infatti, prosciolto una coppia colta in fragrante mentre faceva sesso nel confessionale del duomo di Cesena. I due, nel 2008, erano stati notati da un’anziana signora mentre davano sfogo alla loro passione nel luogo sacro, erano stati subito condannati per il reato di atti osceni in luogo pubblico; ma, a seguito di questa recente bella notizia, arrivata qualche anno dopo, potranno dormire nuovamente sonni tranquilli.

Inizialmente la condanna prevedeva 3 mesi di reclusione, ma il difensore dei due aveva deciso di dare su una diversa versione dei fatti. Puntando su possibili contestazioni a seguito della lettura fatta in primo grado, l’avvocato Sintucci aveva rotto il silenzio dando una giustificazione plausibile al motivo del inusuale nido d’amore scelto. Quella fatidica notte, infatti, in occasione dei festeggiamenti per la notte bianca a Cesena, la coppia aveva fatto tardi e probabilmente, colta da una passione irrefrenabile, aveva scelto di fare sesso nel confessionale perché questo si era presentato come il primo luogo disponibile.

Il motivo che ha cambiato tutto

Era il primo spazio libero, e nascosto. E grazie a questa particolarità, infatti, lo stesso legale è riuscito a far cadere la condanna sui due amanti colpevoli di aver compiuto atti osceni in luogo pubblico. Trattandosi di un luogo privato nel quale le persone si recano per esercitare il sacramento della confessione, il confessionale è un posto chiuso, non visibile a tutti. I due amanti, quindi, recandosi lì, non hanno tenuto comportamenti inopportuni sotto gli occhi di terzi e, per questo, non colpevoli.
Nel 2008, questo fatto aveva chiaramente mosso tutta la comunità, che si era scagliata contro i due ed aveva portato ad una messa di riparazione. Anche per quanto riguarda il famoso confessionale, esso doveva essere ribattezzato. Ma oggi, alla luce delle ultime novità pronunciate dalla corte d’appello, tutto viene rivalutato e l’atto compiuto dai due giovani acquista completamente un’altra luce. L’importante è che questa eccezione non diventi la regola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*