Home » Sessualità di Coppia » Il sesso non penetrativo conosciuto come “frottage”
Il sesso non penetrativo conosciuto come “frottage”

Il sesso non penetrativo conosciuto come “frottage”

Sapevate che con il termine frottage si indica, non solo una tecnica artistica, ma anche il sesso non penetrativo? Ecco quando si usa questa piccante pratica sessuale.

Cos’è il frottage e quando si usa

Il frottage non è semplicemente una pratica sessuale, è anche un gioco erotico che consiste nello sfregamento delle parti intime contro i genitali, o parti del corpo, di altre persone oppure contro altri oggetti, il tutto però senza penetrazione. È una tecnica sessuale che di solito viene scoperta in tenera età e viene poi usata nei preliminari o nella masturbazione.

Ma vediamo quando si scopre e si usa il frottage nelle varie tappe della vita:

  • Nell’infanzia. Intorno ai 5 anni i bambini iniziano a scoprire l’istinto sessuale, basta anche sfregare le parti intime su cuscini, peluche o superfici per conoscere involontariamente l’erotismo e l’eccitazione.
  • Durante l’adolescenza si pratica molto il petting. I giovani ragazzi cominciano a scoprire il proprio corpo e quello del relativo partner toccandosi, sfiorandosi e sfregandosi senza arrivare alla penetrazione vera e propria.
  • In età adulta invece il sesso non penetrativo si usa come preliminare per lanciare un forte messaggio, quello cioè di fare sesso.

Naturalmente anche strusciandosi addosso si può raggiungere l’orgasmo in qualsiasi posizione si desidera (anale, vaginale e orale) senza privarsi dei piaceri dell’eros.

Frottage come molestia sessuale

Spesso però si sente parlare di frottage come perversione sessuale o parafilia sotto i nomi di “Frotteurismo” o “Dry Hump” quando cioè un soggetto assume comportamenti anormali su persone non consenzienti in luoghi pubblici e affollati come sugli autobus, alle casse dei supermercati o in fila agli sportelli di uffici pubblici. Questi comportamenti sono perseguibili dalla legge in quanto considerati atti osceni in luogo pubblico e contro natura perché non accettati dalla società e classificati quindi come reato per molestie sessuali.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*