Home » Sessualità di Coppia » Le 5 migliori posizioni per farlo durare di più
le posizioni per far durare di più un uomo

Le 5 migliori posizioni per farlo durare di più

In ogni coppia, soprattutto se consolidata, la routine porta i due partner ad assumere sempre le stesse posizioni a letto: la conseguenza? Lui dura pochissimo e viene sempre prima di lei. Generalmente, la durata media di un uomo è inferiore ai due minuti, quando l’ideale sarebbe poco meno di dieci. Prima che lei cerchi soddisfazione con altri uomini, è meglio intervenire e sfruttare delle posizioni del Kamasutra molto utili per farlo durare di più. Con l’impegno e la fantasia di entrambi, il sesso di coppia acquisirà un’aria completamente rinnovata, con effetti positivi per entrambi.

Quali sono le migliori 5 posizioni per durare di più?

Una delle posizioni più utili è quella dell’intreccio: i corpi sono, appunti, intrecciati, in un contatto molto intimo e romantico; i due possono guardarsi direttamente negli occhi. La penetrazione è un meno profonda rispetto alle classiche posizioni, come la pecorina o il missionario, ed è proprio per questo che è molto utile se si vuole farlo durare di più.

Un’alternativa è rappresentata dalla cosiddetta fenice gioiosa, dove lei lo abbraccia con le gambe, stando seduta sopra. In questo modo, comanda la profondità ed il ritmo della penetrazione, riuscendo quindi a gestire i tempi di entrambi.

La posizione dell’Andromaca vede lei seduta sul pene di lui in modo perpendicolare. La donna comanda, lui subisce, sdraiato, con un unico obiettivo: durare di più.

Chi fosse stufo del classico 69, può rimediare con la stretta del panda; in questa rivisitazione i due partner sono distesi, ma sul fianco; quindi, anche in questo caso, la penetrazione è molto meno profonda e il tutto più controllabile.

Il Kamasutra offre anche un’altra posizione molto amata, quella dei rematori. I due partner sono seduti uno di fronte all’altro; in questo caso, il livello emotivo e sensuale è molto forte ed entrambi sono in grado di gestire il rapporto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*