Home » Sessualità Femminile » L’idratazione è alla base dell’eccitazione

L’idratazione è alla base dell’eccitazione

L’idratazione è importante, soprattutto quando si parla di piacere sessuale femminile; ciò che fa impazzire le donne, infatti, non dipende solo dalle dimensioni, dalla complicità e dalla classica questione di chimica.

Si è occupata della questione Patricia Johnson, scrittrice e co-autrice di “Partners in Passion: a guide to great sex”, secondo la quale l’idratazione gioca un ruolo fondamentale, soprattutto quando le temperature stagionali si alzano. Il caldo, oltre ad aumentare la sete, può provocare un calo del desiderio a cui si rimedia solamente reintegrando le proprie riserve d’acqua.

Idratazione e sesso: un rapporto molto stretto

Rapportando sesso e idratazione, infatti, la Johnson ha evidenziato come il consumo di acqua nelle 12-24 ore prima abbia delle conseguenze sulla libido, che aumenta, appunto, nella bella stagione. Infatti, quando le giornate si allungano ed il bel tempo ha la meglio, l’umore migliora, le endorfine prodotte aumentano, migliorando la circolazione sanguigna. Questo ha dei risvolti non indifferenti sia nell’uomo che nella donna.

Al contrario, se lei è disidratata, probabilmente sarà anche stanca e priva di desiderio sessuale.

Quanto liquido si espelle facendo sesso?

Durante un rapporto sessuale si può sudare e consumare fino a un bicchiere di acqua. Questo dato è, ovviamente, indicativo, in quanto la sudorazione dipende dalla durata del rapporto e, soprattutto, dalla sua intensità. Più alta è la tensione erotica e maggiore è l’eccitazione, più liquidi si perderanno.

Una donna ben idratata, oltre ad essere più portata al rapporto, ha maggiori probabilità di essere lubrificata naturalmente. Ne consegue un rapporto agevolato sotto tutti i punti di vista. Ma, attenzione, è inutile bere tanto immediatamente prima di fare sesso, in quanto l’acqua ingerita raggiunge tutte le cellule del corpo tra le 12 e le 24 ore successive. In quel lasso di tempo, l’acqua deve avere il tempo per raggiungere il livello intercellulare e apportare i suoi benefici naturalmente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*