Home » Racconti Sadomaso » Ecco come diventai la sua schiava
diventai la sua schiava

Ecco come diventai la sua schiava

Era il mese di ottobre di qualche anno fà, insieme alla mia amica Daniela, come succedeva quasi tutti i fine settimana, siamo andate in un dancing.

Il nostro obiettivo era quello di ballare, di divertirci e possibilmente rimorchiare qualcuno per farci una bella scopata.

Daniela si era separata da un annetto, io ero da poco uscita dalla storia d’amore più lunga che abbia mai vissuto. Per reazione sia lei che io volevamo solo vivere qualche avventura così, senza pensieri. Al punto che prima di metterci in macchina per avviarci al locale controllavamo che nella borsetta non mancassero i preservativi.

Entravamo alle 22 non appena il dancing apriva, per fare in modo che la scelta dei “maschi” fosse più ampia, e capitava di accoppiarci con uomini coi quali eravamo già state insieme, capitava anche che con qualcuno ci vedesse in settimana, altre volte capitava di fare coppia con uomini che non conoscevamo. La prendavamo così, come veniva, e quando ci succedeva di andare “in bianco” la volta dopo ci davamo da fare un sacco.

Quel venerdì sera, mi si avvicina un tipo molto affascinante che mi chiede di ballare, ed io ovviamente gli rispondo di si: siamo in pista e lui mi piace ancor di più perchè, oltre che affascinante, è pure sfrontato. Al terzo ballo, uno slow, mi avvinghia, mi bacia e mi palpa il culo. Dovete sapere che se uno che mi piace mi palpa il culo io vado in brodo di giuggiole.

Potete ben immaginare, quindi, che come mi chiede “Andiamo a far l’amore?” io rispondo senza esitare “Si”.
“Guarda che io sono un duro”
“A me piacciono i duri” rispondo.

In un attimo siamo fuori dal locale. Pensavo, come capitava sempre, a una scopata in macchina, ma lui mi dice che andiamo in un motel qui vicino.
“Guarda che per le 2 devo essere di ritorno”, gli dico.
“Non c’è problema, è davvero qui a due passi”, conferma lui.

Salgo sulla sua auto ed effettivamente in un paio di minuti siamo a destinazione.

Entriamo in camera, ci spogliamo e noto il suo apprezzamento per un’abbronzatura presa in topless e per il fatto che solo una strisciolina di pelo stava sopra la mia figa.

Dopo una lunga serie di preliminari da urlo, compresi quattro/cinque pacche sul culo e un paio di strizzate alle tette, arriva il momento della penetrazione.
Io prendo la borsetta ed estraggo un preservativo. Lui, in modo brusco mi dice “Non se ne parla, io non chiavo con quell’affare lì”.
“E allora non chiavi proprio, caro Matteo”, ribatto io decisa. “Tu non mi conosci” fa lui. “Proprio per questo”, dico io.

Finisce che il guanto glielo infilo io facendoglielo scivolare sulla canna con la bocca. Iniziamo a smorza candela, poi lui mi rivolta e mi mette sotto, io non ci metto molto a venire, eccitata com’ero, mi provoca un orgasmo infinito, poi mi mette a pecorina e m’incula.
In quella posizione mi sculaccia, mi prende i capezzoli e me li strizza, poi viene anche lui.

Mentre ci riassettiamo mi dà un paio di bottarelle sulla figa e mi dice: “Stavolta è andata così, la prossima ci vediamo a casa mia. Via quel pelo, anche se è poco, dalla figa. Io faccio le analisi, ma le fai anche tu. Quando siamo pronti, ci telefoniamo e ci rivediamo. E la prossima volta ti farò soffrire davvero”.

Dopo una simile scopata anche se il culo ti brucia un po’ e ti fanno un po’ male le tette, all’uomo che tanto vigorosamente ti ha fatto godere non puoi che dire di si e mostrargli col tuo atteggiamento una gratitudine parente prossima della deferenza.

La settimana dopo faccio le analisi e mi vengono le mie cose, gli esiti sono pronti al martedì successivo e passano quindi due settimane prima che ci si incontri di nuovo. A casa sua.
Non appena ne varco la soglia intuisco che forse la mia vita sta cambiando. Il suo atteggiamento, le sue posture sono tipiche dell’uomo “che non deve chiedere mai”.
Mi ordina di spogliarmi completamente, mi fa mettere le mani dietro la schiena e mi schiaffeggia le tette. Qualche botta sulla figa e io abbozzo una reazione. Lui, deciso: “Sono un uomo di parola, ho detto che ti avrei fatto soffrire e così sarà. Sono un master, se non l’hai ancora capito?”. Anzichè intimorita o recalcitrante, mi sento eccitata per la novità.

Lui prende un flogger, mi fa mettere a novanta e mi frusta le chiappe, poi mi benda e mi dice: “Gira su te stessa”. Eseguo. Ogni tanto mi arriva un colpo: ora sulla schiena, ora sulle chiappe, ora sui fianchi, ora sul seno… Non è una cosa difficile da sopportare, anzi. Solo che i colpi arrivano senza regolarità, senza sapere dove visto che sono bendata, e quindi l’effetto-sorpresa non manca di sicuro. E qualche urletto di dolore mi scappa inevitabilmente.

Dopo un po’ mi sbenda, mi tocca, mi accarezza, si toglie i pantaloni e mi mette il cazzo in bocca. Glielo succhio per bene, poi lui me lo infila in figa:sono molto su di giri e in un paio di minuti vengo alla grande. Allora lui mi unge il buco del culo con un po’ di gel, mi mette a cucchiaino e mi fotte il culo con grande intensità. Prima di venire lo toglie, me lo mette in bocca e in bocca mi sborra. Io, che già lo facevo da quando ero ragazza, ingoio tutto.

Lui mi fa: “Per oggi abbiamo finito. Guarda che questo è solo un assaggio. Sarà un percorso in salita, sempre più duro. Te la senti?” Risposta di getto: “Me la sento Master”. E di quella risposta non mi sono mai pentita.


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, media: 4,00 di 5)
Loading...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*