Home » Sessualità Femminile » Scopri la mappa delle principali zone erogene femminili
Scopri la mappa delle principali zone erogene femminili

Scopri la mappa delle principali zone erogene femminili

Quale uomo non vorrebbe avere a disposizione una mappa delle zone erogene della donna, in modo da non lasciarsi mai sorprendere impreparato? Sicuramente conoscere una donna in tutti i suoi punti caldi non è facile, soprattutto perché ognuna è fatta a modo proprio; ma esistono delle zone che possono essere considerate, da un punto di vista erotico, primarie, secondarie o arcaiche.

Cosa si intende precisamente per zone erogene?

Le zone erogene sono quelle parti del corpo che, se toccate nel modo giusto, portano all’eccitazione. Quando l’alchimia, fisica e mentale, scatta, lo stimolo viene trasmesso all’ipotalamo, l’area del cervello che, in questo modo, si attiva e scatena una reazione che tende a scaldarsi sempre più. Vengono infatti prodotti determinati ormoni e la conseguente adrenalina in circolo accresce il desiderio e, successivamente, anche il piacere.

Quali sono le principali zone erogene femminili?

È chiaro che ogni donna prova piacere a modo suo, in corrispondenza di particolari punti che possono diversificarsi rispetto a quelli di altre donne; in linea generale, però, possiamo individuare:

  • Le zone erogene primarie, che si trovano all’interno dell’apparato genitale e sono il clitoride, le piccole labbra, l’area circostante all’uretra ed il punto G;
  • Le zone erogene secondarie, che sono un po’ più “esterne” ma, in alcune donne, sono talmente tanto sensibili da portare al raggiungimento del piacere quasi come se si stesse vivendo un rapporto sessuale vero e proprio; stiamo parlando del seno, dell’ano, del perineo, dei glutei;
  • Le zone erogene arcaiche, ancora più esterne, ma non per questo insensibili al tocco; in questo caso, entra in gioco la parte soggettiva di ognuna, in quanto a qualcuna piace quando le vengono toccati i capelli, altre preferiscono i massaggi ai piedi, altre ancora le orecchie, ma non solo.

Insomma, provando a toccare tutti i punti citati sopra, ogni uomo può scoprire cosa piace veramente alla propria donna. Con un po’ d’attenzione, lei lo farà capire; basta ascoltarla un po’ per permetterle di raggiungere il tanto desiderato orgasmo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*