Home » Sessualità Femminile » Sempre più donne amano il rough sex
Sempre più donne amano il rough sex

Sempre più donne amano il rough sex

Rough sex: qualcuno ne avrà sentito parlare. Certo è che fare sesso forte è sempre stato un sogno erotico soprattutto maschile, ma negli ultimi anni anche le donne si sono particolarmente interessate a questa pratica che, pur avendo delle sfumature di umiliazione e sottomissione, non è da confondere con il BDSM.

Nel BDSM si ci concentra su tecniche feticiste e sul sadomaso, ed il piacere si raggiunge anche attraverso la psicologia dei partner ed il dolore, non necessariamente consumando il rapporto; nel rough sex, invece, il rapporto sessuale è una prerogativa; se non c’è penetrazione, è previsto almeno del sesso orale.

La diffusione del rough sex

Sicuramente una forte spinta alla diffusione del rough sex è arrivata dalla trilogia di Cinquanta sfumature, che ha scatenato la fantasia di milioni di donne che prima si accontentavano del sesso tradizionale. Vedendo che, invece, ci si può divertire e raggiungere l’orgasmo in molti altri modi con diversi livelli di trasgressività, le richieste in camera da letto sono andate oltre.

In un’epoca in cui le donne hanno (quasi) raggiunto l’uguaglianza e gli stessi diritti degli uomini, lasciarsi sottomettere per mezz’ora in camera da letto può essere considerato un gioco piacevole e molto stuzzicante. I rapporti sessuali brutali non soffocano la femminilità, perché si tratta di una scelta consapevole.

Perché il rough sex piace così tanto? Attraverso il sesso forte, la donna riesce a testare i propri limiti, ad esplorare campi sconosciuti, a soddisfare nuove esigenze.

Come giungere a tanto piacere?

Come dicevamo, la sottomissione è una delle caratteristiche del rough sex: farsi legare, praticare del sesso orale in modo tanto vigoroso da perdere quasi la voce o da sentire la sensazione del soffocamento, essere sculacciate fino a raggiungere la soglia del dolore, subire strattonamenti, rischiare di vomitare. Con un po’ di attenzione al punto in cui ci si spinge, procedendo gradualmente, il piacere raggiunto può portare a sorprese inaspettate. Perché non provare?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*