Home » Sessualità di Coppia » Sesso anale: perché praticarlo senza pudore?
Sesso anale: perché praticarlo senza pudore?

Sesso anale: perché praticarlo senza pudore?

Sono molte le persone che decidono di approcciarsi all’esperienza del sesso anale, anche se sembra piacere più agli uomini che alle donne, probabilmente per una questione fisica. L’uomo, con la penetrazione anale, sente una pressione maggiore sull’organo genitale perché la conformazione dell’ano è più stretta rispetto a quella della vagina.

Per molte donne, invece, questo è un argomento tabù. Non ne parlano con le amiche o con il proprio partner, o comunque preferiscono non provare certe esperienze per vergogna, per pudore personale, perché provano dolore, per riluttanza psicologica o semplicemente perché non procura loro piacere.

Ma non tutte le donne la pensano allo stesso modo; anzi, per molte il sesso anale è una fonte di grande piacere; in fondo, si tratta di una questione fisiologica (la ricca quantità di nervi che circonda l’ano) o psicologica (il desiderio di sottomissione che si prova con questa pratica).

E se è l’uomo a riceverlo?

Anche in questo caso bisogna andare oltre i limiti psicologici o il pudore; l’uomo può provare una maggiore sensazione di piacere con la penetrazione anale perché favorisce la stimolazione della prostata e delle mucose anali. Non dobbiamo però abbinare in modo univoco il sesso anale con l’omosessualità, in quanto le due cose non sono correlate.

Ecco dei consigli per praticare in maniera ottimale il sesso anale:

  • utilizzate sempre il profilattico senza passare mai dalla penetrazione anale a quella vaginale per evitare la trasmissione di batteri;
  • utilizzate il lubrificante;
  • trovate la posizione più comoda per entrambi. Quali sono? Le più comuni sono: quella del missionario, la doggy-style o quella in cui lei (o lui) è distesa sulla pancia. Quella meno dolorosa da un punto di vista anatomico è l’ultima di queste; quindi, se siete inesperti, vi conviene iniziare con quella;
  • è meglio iniziare con dei preliminari o anche raggiungere precedentemente l’orgasmo, in modo da essere più rilassati;
  • continuate effettuando una penetrazione dolce, inserendo magari prima un dito o accarezzando lo sfintere anale;
  • non abbiate paura di comunicare al partner qualsiasi dubbio o dolore durante la penetrazione, per evitare che diventi un’esperienza spiacevole.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*