Home » Sessualità di Coppia » Sesso non convenzionale: 4 giochi erotici da provare
Sesso non convenzionale: 4 giochi erotici da provare

Sesso non convenzionale: 4 giochi erotici da provare

Abbandonare i tabù e cercare una complicità di coppia diversa: sono queste le regole base per un buon sesso non convenzionale, un bondage soft, per allontanarsi dalla routine e spingersi un po’ oltre i limiti. Ecco le idee.

Bondage soft per un sesso non convenzionale

Un primo gioco erotico di sesso non convenzionale può consistere in questo: i due partner scrivono 3 coppie di ruolo, come ad esempio medico e paziente o professoressa e studente, su 3 biglietti. Trascorso qualche giorno, uno dei due, all’insaputa dell’altro, ne mette in pratica uno; la volta successiva, tocca all’altro. È molto importante che l’”organizzatore” pensi anche agli abiti da indossare e ad un minimo di scenografia, per rendere il tutto più realistico ed eccitante.

Un altro gioco erotico nell’ambito del sesso non convenzionale consiste nel “tirare la corda”: significa che, mentre si è a letto, uno dei due partner rende (in modo restrittivo o più gentile) sottomesso l’altro e lo stimola fino quasi all’apice… Per poi tirarsi indietro. Continuando il gioco del tira&molla per 3 volte, l’orgasmo vero e proprio sarà molto più intenso.

Parlavamo di bondage soft? Proviamo a spingerci un po’ oltre. Per chi fosse alle prime armi, forse non è il caso di farlo a casa propria, ma in vacanza potrebbe essere un buon metodo per “rilassare” la mente. Perché fare l’amore nel letto e non davanti alla finestra? Il segreto dell’eccitazione, però, sta nel fingere di essere semplicemente affacciati, quando in realtà lui agisce da dietro.

Chiudiamo con un ultimo gioco di sesso non convenzionale, un gioco di deprivazione sensoriale… Perché? Perché uno dei due è bendato, non ha possibilità di decidere nulla ed è completamente nelle mani dell’altro. L’eccitazione, in questo caso, deriva sia dal mistero su ciò che succederà sia dalla maggiore ricettività degli altri sensi che, senza la vista, devono lavorare di più.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*