Home » Sessualità Femminile » Sesso orale: dimmi come lo pratichi e ti dirò chi sei
consigli per farlo eccitare

Sesso orale: dimmi come lo pratichi e ti dirò chi sei

Non tutte le donne amano praticare sesso orale ai propri uomini: c’è chi lo fa perché sa che all’uomo piace, c’è chi non lo fa per niente e c’è chi lo fa perché, oltre a contribuire alla felicità maschile, prova altrettanta eccitazione. Ma chi pensa che baciarlo là sotto sia un’attività fine a se stessa si sbaglia di grosso; in realtà lui capisce molto di lei mentre è presa nel momento magico. Ecco dei piccoli aiuti per non farsi cogliere impreparate!

Semplici consigli sul sesso orale per non rimanere spiazzate

Se la donna ama prendere il pene e baciarlo fino in fondo, fino alla gola, lui non se lo dimenticherà facilmente. Ecco, quindi, che se si vuole colpire il proprio lui a letto, la prima regola è quella di non fermarsi a metà. Altro consiglio a dir poco fondamentale riguarda i denti; è vero che può capitare, prese dalla foga, di “tirare fuori i denti” e provocargli qualche piccolo dolore; in linea generale, però, sarebbe meglio concentrarsi affinchè ciò non accada; un bacio sensuale, che scorre senza procurare ferite, saprà sicuramente lasciare un ricordo più dolce.

Per fare sesso orale al meglio, una donna determinata usa in contemporanea anche le mani. Potrebbe sembrare che si pecchi di egoismo e di volontà di arrivare subito a una degna conclusione; in realtà, l’uomo apprezza questa capacità della donna. Lo stesso principio può essere fatto valere quando ci si trova nella posizione del 69; una donna sicuramente ama ricevere ma, se sa anche dare, sarà sicuramente apprezzata. Una regola che dovrebbe valere per tutte le donne è quella che riguarda l’attenzione data alle diverse cose: in quel momento, è più importante concentrarsi su di lui e sul suo piacere piuttosto che sui capelli fuori posto o il mascara che cola. L’ultimo consiglio appartiene a un caso diverso, ovvero a coloro che non praticano sesso orale; è inutile negarlo, probabilmente a lui mancherà sempre qualcosa. Quindi, forse, è il caso di rivalutare questa negazione di piacere e provare a fare uno sforzo per il benessere del proprio lui.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*